Museo Marino Marini

produced
Silke Otto-Knapp – Cold Climate

Nella pittura di Silke Otto Knapp esistono e convivono una sovrapposizione di stilemi che esemplificano la sua cifra stilistica. La sua pittura è intraducibile, nella misura in cui non è possibile riprodurla, copiarla, contenendo in sé la moltitudine della differenza, ossia un’infinità dei gesti, numerosi lavaggi dell’acquerello, infinite velature, tutto a comporre la superficie della tela.
I soggetti dei quadri provengono dalla realtà, dall’osservazione di paesaggi, da immagini tratte da libri o da una visione diretta dell’artista, che testimonia l’interesse e l’amore per poeti, scrittori, danzatori. La dimensione reale del soggetto diventa oggetto d’indagine e tale processo di costruzione del dipinto imprime un tempo sequenza alle opere in grado di trasmettere l’aggregato di esperienze sensoriali e mentali dell’artista. La traduzione di tutto questo è nelle lievi e infinite variazioni tonali di una pittura dal sapore morandiano, dalle liquide superfici, testimonianze di passaggi di spugne e pennelli bagnati.
L’immagine che vediamo è una successione di proposizioni che prima alludono, poi suggeriscono, fino a definire la presenza reale del soggetto. Ecco che in tale processo appare Getrude Stein e quanto sia vicina Silke Otto Knapp all’opera e alla modalità di costruzione e visualizzazione della scrittrice americana, soprattutto in Tender Buttons da cui è tratto il titolo della mostra Cold Climate. La decostruzione del lessico, la sintassi, la prassi discorsiva e la consequenzialità logica ridefiniscono ogni elemento normativo del linguaggio, al fine del raggiungimento di una personale e inimitabile linguistica visiva sia in Stein sia in Otto Knapp.
Di fronte ai quadri dell’artista è possibile vedere, leggere, sentire tutto questo; più ci si avvicina, più ci si concentra sul dipinto, meglio tali sensazioni, lentamente e fortemente, si avvertono. La sua pittura innesca un processo di visione e rappresentazione così intimamente vicino a quello di Tender Buttons da rimandare a un passaggio del libro: una specie in vetro, una parente, una lente e niente di strano, un singolo colore ferito ed un arrangiamento in un sistema volto a indicare tutto questo e non ordinario, non disordinato nel non rassomigliare. La differenza si espande.1
La polisemia dei lemmi di Gertrude Stein corre così in parallelo con le superfici, le variazioni cromatiche della pittura di Silke Otto Knapp che con gesti, segni e velature suggerisce differenti esperienze. Anche questa pittura contiene intrinsecamente una valenza polisemica, come il linguaggio di Tender Buttons, che ci costringe a un necessario sforzo d’interlocuzione e interazione, creando uno spazio di azione che esce dalla superficie, espandendosi.
Nella cripta del Museo Marino Marini le tele assumono ulteriore vitalità, sia in relazione sia autonomamente una con l’altra, sorrette da leggere e mobili strutture in ferro autoportanti. Esse occupano, definiscono, disegnano una nuova e sempre mutevole dimensione architettonica dello spazio espositivo, assumendo di volta in volta una loro nuova singolare identità, facendo emergere quel valore polisemico insito in loro.
Il dipinto diventa altro: oggetto autonomo nello spazio, esce dalla sua limitante connotazione bidimensionale; diviene quinta scenografica, strumento performativo, e ci svela un altro elemento imprescindibile della composizione, della narrazione: il tempo, sia esso quello della visione, della rappresentazione performativa, della lettura, dell’indagine conoscitiva.

Il Museo Marino Marini desidera ringraziare per la collaborazione le gallerie Greengrassi (Londra), Daniel Bucholz (Berlino) e Gavin Brown Enterprise (New York)

Menu