Fabbrica Europa

produced
Post Elettronica

Il progetto, inserito all’interno di FABBRICA EUROPA – Festival internazionale della scena contemporanea, ha indagato i territori indefiniti ma sempre più floridi della sperimentazione “post-elettronica”, in un tributo a John Cage che intendeva rilevarne l’eredità contemporanea, attraverso artisti provenienti da diverse parti del mondo e con in comune un uso drammaturgico e gestuale delle nuove tecnologie.
Opere ibride che univano musica, video, performance, scultura, suono, rumore, vocaboli di un linguaggio composito in cui la gestione di software avanzati si combinava al manufatto, e dove corpo e sintesi digitale si mescolavano e si sovrapponevano, esponendo la tecnologia nella sua evidenza meccanica, fisica, funzionale.
Il lavoro degli artisti proposti da Post Elettronica affonda le radici tanto negli avamposti della tecnologia globale quanto nella storia delle avanguardie artistiche, sia storiche sia più recenti, nel comune tentativo di scioglimento dell’approccio concettuale in direzione del coinvolgimento dello spettatore. Gli incroci tra arti visive e musica, tra movimento e suono (sound art come pensiero del suono nello spazio) sono così diventati il soggetto di un’indagine inedita, volta a presentare un panorama di esperienze contemporanee all’insegna di nuove forme di sperimentazione.

Con Les Souliers del francese Arno Fabre il foyer della Leopolda si è trasformato in una piazza/teatro che ha ospitato un “concerto” di automi a ciclo continuo. Un evocativo “balletto meccanico”, straniante e ironico, in cui convivevano gusto rétro e tecnologia.

A fargli da eco i fruscii meccanici dell’installazione dello svizzero Zimoun con i suoi muri animati. Centinaia di bacchette, collegate ciascuna a un motorino che imprimeva loro un moto oscillatorio, invitavano gli spettatori a sperimentare la dimensione fisica e vibratile del suono.

Il progetto proseguiva nello spazio Alcatraz, animato sia dalle performance proposte nella pedana centrale, che dalle installazioni nelle stanze attigue.

Menu