Base

produced
Divide Bertocchi

BASE / Progetti per l’arte ha presentato un nuovo progetto di Davide Bertocchi che l’artista descrive così: ‘Il titolo Divide Bertocchi, invece di Davide (dall’inglese ‘divide’ – dividere) manifesta sin dall’inizio che l’intento principale del mio progetto per Base è quello di proporre una frammentazione e dispersione in progress (entropia) non soltanto fisica, degli oggetti, ma anche esistenziale. Non voglio creare un centro, ma vari interventi indipendenti: é come se io ponessi me stesso come identitá frammentata e ramificata’.
Il primo lavoro é un video che si intitola Exhaust (‘marmitta’ in inglese ma anche stanchezza, spossatezza..). In particolare si tratta di un montaggio di videoscaricati da YouTube: sono tutti brevissimi video amatoriali realizzati da fanatici di tubi di scarico e marmitte e relativo suono. In ogni sequenza si vede e si sente solo il rumore di un motore che romba. Infatti sono tutte prove di marmitte tra le quali un’omonima marca giapponese che si chiama appunto Bertocchi Mufflers.

Questo aspetto, pseudo biografico, si concretizza in realtà in un’azione totalmente inutile e fine a se stessa. Nell’altra sala sostano varie sculture tra le quali Le Régime che in francese vuol dire anche dieta; infatti l’opera ha un doppio riferimento ad una forma di regime personale ma anche ai regimi politici di forma subdola-mediatica. Poi ancora una scultura di acciaio inox cromato dal titolo Alpha and Omega (chicken-or-egg problem), forma ibrida tra un uovo, citazione della Sacra Conversazione di Piero della Francesca, e un disco d’acciaio. Le fattezze sono quelle di un 33 giri, anch’esso simbolo di un progresso ormai obsoleto o disco volante o semplicemente tautologia sul famoso dilemma filosofico: se é nato prima l’uovo o la gallina?

Altra scultura é una grande palla in ceramica nera appoggiata sulla base e la cui superficie sembra quella di un pianeta abbandonato o bruciato. In realtá si tratta di una copia esatta di una palla a specchi da discoteca ma dalla quale sono stati pazientementi strappati uno ad uno tutti gli specchietti (dei quali vediamo ancora le tracce sulla palla) riducendola ad una specie di scheltro inerme.

Menu